In attesa degli ologrammi ecco i proiettori 3D glasses-free a basso costo

Negli ultimi mesi si è parlato molto degli ologrammi per l’intrattenimento multimediale, tecnologia che dovrebbe andare a sostituire il 3D così come lo conosciamo oggi, ma i limiti imposti dagli eccessivi costi di sviluppo e dai supporti ancora decisamente poco pratici per entrare nelle case degli utenti di tutto il mondo tendono a ritardare l’introduzione di questa novità. Nell’attesa, il MIT annuncia una tecnologia basata sulla proiezione di immagini 3D glasses-free economica.

3d_glasses-free_projectorsSi tratterebbe della prima volta per dispositivi di questo tipo: l’effetto tridimensionale che non richiede l’utilizzo di occhiali fino ad oggi è rimasta una prerogativa di rari prototipi di televisori o dispositivi di piccole dimensioni, ma non certo abbordabile, pratica e accessibile a tutti. Proiettori economici in grado di mandare in pensione gli scomodi occhialini potrebbero rivoluzionare il settore, specialmente se i costi si dimostreranno contenuti. Ma gli ostacoli da superare sono ancora molti.

LEGGI ANCHE: “I soldati del futuro sempre più simili ai videogame grazie a nuovi caschi”

La tecnologia si basa sulla proiezione di più immagini in contemporanea e da angolazioni differenti, sfruttando un sistema con modulatori d’angolo a cristalli liquidi. Restano da risolvere difetti come la velocità di riproduzione delle immagini, ora bloccata sui 40 Hz, e altre piccole caratteristiche utili ad ottenere un risultato sufficiente a garantire una qualità dell’esperienza visiva soddisfacente, anche se già ora si parla di immagini particolarmente vivide, se confrontate con altri sistemi 3D.