NTT DoCoMo e Tobii presentano il primo tablet al mondo con tracciamento degli occhi

Si chiama “i beam” ed è il primo tablet al mondo ad utilizzare uno speciale sistema di tracciamento degli occhi, che permette all’utente di interagire con le funzioni basilari dell’interfaccia grafica del dispositivo.

E’ il frutto di una collaborazione tra NTT DoCoMo e Tobii, che sono riuscite nell’intento di realizzare un prodotto unico nel suo genere, capace di aprire svariati scenari per l’interazione tra utente e device. Un sensore posizionato sopra al display del tablet tiene costantemente sotto controllo il movimento degli occhi, che vengono dunque utilizzati al posto delle mani per gestire le funzioni del device.

LEGGI ANCHE: “Display che si auto-riparano quasi realtà grazie alla pellicola di Toray”

Naturalmente il sistema è ancora primitivo e le funzioni a disposizione del controllo con gli occhi sono limitate, ma è comunque un ottimo punto di partenza per vedere simili tecnologie presto applicate sui tablet. Il prototipo in questione, di questo si tratta, sarà presentato da entrambe le società a Tokyo nel corso di questo mese.