Earl: il tablet selvaggio che non ha bisogno di prese di corrente

Non è certo il primo tablet rugged che vediamo, ma è sicuramente il primo a non dover dipendere da prese di corrente, grazie ad alcuni accorgimenti per il risparmio energetico e un pannello solare integrato.

Il display da 6 pollici ad inchiostro elettronico è l’ideale per risparmiare tantissima energia, mentre la batteria si ricarica completamente in 5 ore semplicemente esponendolo alla luce solare, rivelandosi lo strumento perfetto per gli escursionisti delle zone più estreme del pianeta. L’autonomia è di 20 ore in utilizzo continuo.

È infatti resistente anche ad urti, con la sua scocca anti-shock, mentre a gestire tutte le principali funzionalità, estremamente volte ad un utilizzo da navigazione, troviamo Android 4.1. Include un sensore ANT+ e cartine topografiche precaricate, per dover dipendere il meno possibile da computer e periferiche Wi-Fi.

LEGGI ANCHE: “Pedalare e ricaricare il cellulare allo stesso tempo è possibile grazie a The Siva Cycle Atom”

Earl è il compagno di escursione ideale di Sqigle, che dovrebbe arrivare sul mercato entro fine estate per 249$.