“Qi” manda in pensione i caricabatterie a filo

Il Wireless Power Consortium ha certificato “Qi“, il nuovo standard in grado di ricaricare qualsiasi dispositivo portatile con batterie ricaricabili senza l’utilizzo di alcun cavo, ma sfruttando l’induzione elettromagnetica wireless.

Un prodotto incredibile che rivoluzionerà le nostre abitudini e il mondo della tecnologia, una realtà che molti dubitavano sarebbe mai esistita. Qi potrà fornire fino a 5 W di energia elettrica alle batterie da ricaricare. Vediamo nel dettaglio il suo funzionamento.

logo_qi

Posizionando un oggetto compatibile a Qi vicino al caricatore questo trasforma la comune energia elettrica in elettricità senza fili e la trasmette al dispositivo che, a sua volta, ritrasforma l’energia wireless in normale elettricità tramite un’apposito ricevitore/trasformatore, ricaricando la propria batteria.

Una volta completata la ricarica Qi entra in stand-by, per evitare inutili consumi. Il 30 agosto 2010, ha dichiarato il consorzio, verranno comunicati i dettagli e le specifiche dello standard alle aziende associate, in modo che queste possano iniziare a sviluppare i loro prodotti con la compatibilità a Qi.

Tra le aziende facenti parte del consorzio troviamo nomi prestigiosi come Nokia, Philips, Sony Ericsson, LG, Samsung, Sanyo, Olympus ma anche Duracell, Energizer e Texas Instruments. Inizialmente Qi coi suoi 5 W sarà in grado di ricaricare piccoli dispositivi, come cellulari e simili, ma presto la sua potenza sarà maggiore, con applicazioni anche a prodotti più avidi di energia.

Infine una piccola chicca: Qi si pronuncia “Chi” che nelle culture orientali significa “flusso di energia”. Non vediamo l’ora di vedere questo marchio sui prodotti che amiamo di più!

Fonte